Intervista ai capitani del sudan

“Non c'è niente di misterioso per un marinaio se non il mare stesso, che è padrone della sua esistenza e imperscrutabile come il destino.” Joseph Conrad

Alessandro, Licia e il loro splendido caicco, rappresentano per noi subacquei la sfera avventurosa di questa attività. Chi tra noi non ha mai sognato di prendere una barca ed esplorare reef incontaminati in un mare ricco di misteri. Ecco, loro hanno realizzato il sogno di tanti subacquei. Salire sulla loro imbarcazione ed ascoltare i loro briefing dettagliati dei punti d’immersione e le storie  del “Profondo Sud” del Mar rosso non ha prezzo. In questa breve intervista ci faranno navigare virtualmente nel loro paradiso subacqueo, il Sudan…

Ciao Licia e Alessandro, raccontateci brevemente la vostra storia subacquea.
La subacquea fa parte della mia vita fin da bambino, è stata sempre una mia grande passione, che mi ha spinto poi da ragazzo a vivere X 12 anni alle Maldive, dove ho lavorato in 19 isole diverse, e dove poi ho incontrato Licia, la mia compagna, con la quale ho condiviso questa meravigliosa esperienza di vita ....il Sudan !!!!!
Il Sudan è posto incantato, un vero paradiso della subacquea, diverso da qualunque altra destinazione, potrei definirlo incontaminato.....dove non esistono strutture alberghiere e dove la gente è pura, scevra da qualsiasi contaminazione turistica, e questo da un lato potrebbe essere visto come un deterrente, ma dall'altro è uno dei motivi che rende il Sudan unico nel suo genere. In questo luogo, capisci il vero significato del famoso "Mal d'Africa".
 
Come vi descrivereste come subacquei?
Noi amiamo la subacquea a 360 gradi, in tutte le sue sfaccettature e modi diversi di andare sott'acqua. Ci siamo specializzati in tutte le varie tecniche, e la mia personale conclusione è quella che immergersi è prima di tutto sentire, trovarti in un habitat diverso da quello che vivi ogni giorno e sentirti in pace assoluta, dove tutto ti emoziona sempre e comunque; solo così sei in grado di essere una brava guida, un bravo istruttore, un fotografo curioso. Penso che chiunque possa fare subacquea, ma solo la grande passione ti permette di continuare e di non poterne più fare a meno e, solo così, puoi riuscire a trasmettere agli altri la bellezza di un'immersione.
 
Quale è la vostra immersione preferita in Sudan?
Scegliere la più bella immersione in Sudan non è una cosa semplice; potrei dirti Sha'ab Rumi punta sud, un pianoro che inizia a 20 metri completamente ricoperto da coralli duri e molli dai mille colori, con una biodiversità incredibile, dove vivono grigi stanziali e pesci di ogni tipo, dove nel blu puoi ammirare in tutta la loro eleganza banchi di squali martello.
Ma allo stesso modo posso dirti Sanganeb Punta Nord, dove troviamo una situazione completamente diversa,  un paesaggio lunare, dove il vento che qui soffia per quasi tutto l'anno da Nord, ci offre un pianoro meno colorato ma non per questo meno affascinante, con coralli a frusta neri e gorgonie bianche, dove puoi entrare in una nuvola di barracuda e dove gli squali martello, quando la corrente è a nostro favore, regnano sovrani.
 
Quali sono le vostre 5 immersioni preferite in giro per il mondo / il vostro più bel ricordo subacqueo?
Uno dei più bei ricordi subacquei, potrebbe essere l'incontro molto ravvicinato che abbiamo avuto con un grande esemplare  di squalo tigre femmina con i suoi 2 cuccioli, avvenuto a Sha'an Rumi punta sud, nel mese di Maggio.
Credo sia impossibile stilare una vera e propria classifica….Ci siamo immersi in tanti posti bellissimi in giro per il mondo ed è davvero difficile individuare i più’ belli che abbiamo visto. Per quel che riguarda il Sudan Oltre alla Punta Sud di Rumi ed a Sanganed Punta Nord, posso sicuramente indicare Angarosh, per quel che riguarda l’itinerario a nord di Port Sudan, ed il Pinnacolo per l’itinerario Deep South. Oltre a queste, duranti gli anni trascorsi alle Maldive, è impossibile non menzionare posti meravigliosi come Broken Rock, Fotteyo o le pass di Cocoa e Gangehi. Alle Similan al confine con la Birmania mi sono poi immerso sui banchi di Burma e sul famosissimo Richelieu Rock. A Sipadan tutti i meravigliosi tuffi a ridosso dell’house ree dell’ Isola…. I Cenotes messicani…. I relitti della Croazia…. il relitto del sommergibile Pietro Micca...
Ma di quella volta che ho visto 5 squali toro all’Isola della Gomera alle Canarie ne vogliamo parlare…..?
Quali sono i nuovi orizzonti  e le nuove sfide della vostra attività?
La nostra grande sfida è stata comprare la barca e venire in Sudan, ti assicuro che non è stato facile, per tutti i motivi che ho elencato che rendono questo paese meraviglioso, gli stessi motivi lo rendono un posto molto difficile dove lavorare, ..eravamo molto giovani e un po' d'incoscienza ha giocato a nostro favore...(lo rifarei 1000 volte), ci piace molto viaggiare ed esplorare nuovi posti dove immergerci, ma credo che il nostro futuro sia comunque ancora qui, stiamo pensando a nuove soluzioni per fare itinerari meno battuti,  X esempio il Deep South, attrezzandoci con un grande gommone che ci consentirebbe di fare lunghi spostamenti velocemente, per permettere anche agli ospiti, di godere appieno tutte le giornate senza lunghe navigazioni.
Quindi potremo cambiare imbarcazione, trovare soluzioni ingegnose per fare in comodità gli itinerari più impegnativi, ma sicuramente non rinunceremo mai al nostro Sudan.
 
Consigli per chi volesse visitare il Sudan
Anche qui, come in tutto il mondo le condizioni metereologiche sono cambiate, fino a 4/5 anni fa  metà Aprile era il limite massimo per venire a fare una crociera in Sudan, mentre ora è tutto slittato in avanti, sicuramente il periodo migliore, dove trovare il giusto compromesso meteo/marino è la primavera, Marzo/Aprile /maggio/Giugno.
Per chi non è mai stato in Sudan, e viene in primavera , consiglio un itinerario misto, tra il classico e il sud, (Sha'ab Rumi, Sanganeb, Wind gate-relitto dell'Umbria, Jumna, Sha'ab Ambar, Pinnacolo.
Non da meno sono gli itinerari Nord e il Deep Souht....X quest'ultimo necessitano le 2 settimane.
 
 
Intervista ai capitani del sudan

Leave a comment

You are commenting as guest.